Contagio, BandAdriatica

Contagio, BandAdriatica

In offerta!

13,00 10,00

  1. Brindisi DC
  2. Santa Paranza
  3. I giorni del contagio
  4. Tourbanda
  5. Pizzica estam (feat. Naat Veliov)
  6. Penza e ripenza
  7. To ghiasemi (feat. Naat Veliov)
  8. Le mille e un valzer
  9. Tarantella adriatica
  10. Erdhi deti tallas tallas
  11. Lake Populake (feat. Naat Veliov)
  12. Larg, lontano

Descrizione

Dal Salento all’Albania, da Venezia a Dubrovnik fino a Creta: questo disco è l’ipotesi di un approdo. Il “contagio” pervade voci e strumenti. La musica delle bande pugliesi, “infettata” dalle ritmiche d’oltremare, diventa più irregolare, fascinosa e arricchita di sonorità inaspettate.

Con la straordinaria partecipazione di King Naat Veliov della Kocani Orkestar!

Un percorso lungo, fatto di incontri fortuiti e di ricerche spasmodiche. E muoversi per mare non è come muoversi sulla terra ferma, è un cammino asservito alle voglie cangianti delle correnti. Dal Salento all’Albania, da Venezia a Dubrovnik fino a Creta, è il sogno di un approdo. L’Adriatico è un mare d’incongruenza, di mal celata diversità, i suoi porti sono tutti differenti, profondamente. Le sue lingue molteplici come i venti che lo rendono impervio e pericoloso. Le sue genti per secoli lontane si sono incontrate raramente per voglia, più spesso per necessità. Le sue musiche, figlie illegittime della stessa tradizione, hanno percorso da sempre strade diverse. Nelle divise malconce dei tour calabresi o nei vestiti rassettati delle feste di matrimonio, coi denti d’oro a fare pendant con lo strumento e la decorazione sul cappello. Lenti dietro i santi e di corsa di paese in paese, di festa in festa. Le strade difficili e in salita dietro alle Madonne, le strade aperte in mezzo al mare con piccole barche in processione o sulle grandi navi che in una notte portano sull’altra sponda.  Cercare un linguaggio comune tra le bande dell’ovest e le fanfare dell’est è impresa non facile.  E’ una scommessa che diventa un progetto, di lungo corso. E da qui, noi partiamo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *